Assistenza / lavoro e diritti

Se ti è stata diagnosticata la positività al virus HIV oppure l’AIDS è importante che tu sappia quali sono i tuoi diritti e a quali tipi di agevolazioni e assistenza tu possa accedere, in ambito sanitario e lavorativo.

DIRITTI SUL LAVORO

I diritti sul lavoro per le persone con HIV/AIDS sono tutelati in particolare dalla Legge 135/1990, che ha stabilito che l’infezione da HIV non può costituire motivo di discriminazione, oltre che per l’iscrizione alla scuola e lo svolgimento di attività sportive, anche per l’accesso o il mantenimento del posto di lavoro.
Inoltre vieta esplicitamente ai datori di lavoro, pubblici e privati, di sottoporre al test per l’HIV i propri dipendenti o i candidati all’assunzione senza il loro consenso.

Inoltre come lavoratore sieropositivo in AIDS, non puoi essere sottoposto a trasferimento o cambio di mansione senza una comprovata motivazione tecnica, oggettiva o produttiva: in caso di dubbio in merito, è possibile chiedere al datore di lavoro la giustificazione specifica del cambiamento ed eventualmente valutare la correttezza del suo comportamento.

Non esitare comunque, a consultare la tua organizzazione sindacale di fiducia o chiedere un’appuntamento per una consulenza legale presso lo sportello legale del Cassero.

DIRITTO ALLA PRIVACY

Come tutti gli altri cittadini, anche le persone sieropositive o in AIDS hanno diritto alla tutela della propria privacy, così come stabilito dalle leggi dello Stato.

Questa garanzia è ancora oggi di estrema importanza, poiché i pregiudizi sull’infezione da HIV sono sempre molto presenti nella nostra società.

In particolare oltre alla normativa generale, valida per tutti, sulla protezione dei dati sensibili (Decreto Legislativo 196/2003), è possibile fare riferimento alla Legge 135/1990, che si occupa nello specifico di HIV, in cui si dichiara che non esiste nessun vincolo legale che obblighi una persona a comunicare la propria condizione di sieropositività ad altri (né al datore di lavoro, né ai colleghi o le autorità).

Anche in questo caso, se ti capita di subire pressioni a lavoro o in altri ambienti per rivelare il tuo stato sierologico, non esitare a richiedere una consulenza legale.

INVALIDITÀ

Se sei sieropositivo oppure se ti è stata diagnosticata l’AIDS puoi richiedere che ti vengano riconosciuti l’invalidità civile, oppure lo status di portatore di handicap. Entrambi questi riconoscimenti possono portare importanti benefici fiscali, sanitarie e lavorative, ma non sono automatici, è necessario seguire uno specifico iter burocratico, recati alla tua Azienda USL di residenza per chiedere informazioni su cosa devi fare.

Inoltre se sei un lavoratore dipendente o autonomo, in regola con il pagamento dei contributi, puoi richiedere la pensione di invalidità concessa dall’INPS, anche in questo caso devi seguire un determinato iter burocratico, informati presso un ufficio INPS.

AGEVOLAZIONI FISCALI

Se sei sieropositivo o in AIDS puoi aver diritto a diverse agevolazioni fiscali, purtroppo farne una lista è difficile in quanto i benefici fiscali vengono frequentementi aggiornati in base a quanto stanziato dal Governo attraverso la Legge Finanziaria annuale.

Ricorda che hai inoltre diritto a ricevere gratuitamente le prestazioni sanitarie appropriate per il monitoraggio della tua condizione e per la prevenzione delle eventuali complicanze.

Condomix per Cassero Salute